RiLuce di Giorgio Mercandelli

RiLuce è Giorgio Mercandelli. La nuova cantina, fondata con la compagna Sonia, è a Canneto Pavese, in provincia di Pavia. Mercandelli coltiva vigne di oltre 100 anni. In quasi quarant’anni di vita enologica ha sperimentato e approfondito ogni approccio moderno, dal proto biologico (negli anni Ottanta con l’azienda del padre Cabanon) alla biodinamica, al naturale, per giungere al vino biotico e universale, figlio dei principi della meccanica quantistica e destinato a stravolgere ogni canone della tradizione vitivinicola. Circa 10 ettari di vigna in stato di estrema naturalezza, le piante sono completamente lasciate a se stesse regolate dall’equilibrio delle energie che lì si esprimono. Nessun intervento, nessun trattamento né sul suolo né sulla pianta. Niente zolfo e soprattutto niente rame. Nessun trattore, nessuna macchina. Perché è il vignaiolo il vero artefice del lavoro di sintesi della pianta e nulla deve influenzare la luminosa purezza delle uve. I vini vengono identificati con un’unica lettera, “O” oppure “I” e “A” per il Rosso 2007. Un’etichetta minimalista, in cui l’analisi organolettica è sostituita da quella sensoriale.